Haziran 26, 2020

Fantasia o realtà?????

Ben Esra telefonda seni boşaltmamı ister misin?
Telefon Numaram: 00237 8000 92 32

Fantasia o realtà?????Il Racconto Di un marito Cornuto.Continuavo a domandarmi cosa avesse mia moglie Sissi. Da circa una settimana il suo atteggiamento era divenuto insolito. Sembrava sempre sovrappensiero, distratta; quando le parlavo avevo l’impressione che neanche mi ascoltasse. Alle telefonate rispondeva in modo evasivo e frettoloso, quando invece eravamo insieme evitava di incrociare il mio sguardo. Non riuscivo a capire, ero molto confuso. Stavamo sposati ormai da pochi anni e non l’avevo mai vista con un atteggiamento simile. Cos’era successo?”Niente” rispondeva lei, ogni volta fingendo di guardare un punto imprecisato alle mia spalle. “Cosa vuoi che sia successo…””Sei strana. Non sei mai stata così, amore. Se c’è qualcosa che vuoi dirmi, fallo”.Ma lei ripeteva che era soltanto una mia impressione, niente di vero. “Ti stai immaginando tutto” diceva. “Non mi comporto affatto in modo strano”.Ma ormai avevo fiutato che qualcosa non andava, e niente poteva togliermelo dalla testa. Sentivo la puzza di qualcosa e dovevo capire di cosa si trattava.Così una sera, dopo che per tutto il pomeriggio mia moglie si era mostrata freddina, mi ero deciso ad andare a fondo nell’argomento. Volevo, anzi dovevo sapere cosa c’era che non andava.La portai nella nostra stanza da letto sdraiandola sul letto, uno accanto all’altra. Le presi delicatamente con la mano dal collo, e la baciai, dicendogli :”Per favore, amore, dimmi cosa c’è che non va”.Lei fece un lungo sospiro, e allora capii che era accaduto qualcosa di grave.”Certe cose è meglio non saperle” mi disse “è meglio che stia zitta”.”Niente affatto!” replicai. “E’ giusto che io sappia. Non aver paura, puoi dirmi qualsiasi cosa…”Lei mi guardò ancora, pensierosa e indecisa. Poi ödemiş escort bayan disse, tutto d’un fiato:”Ti ho tradito, ecco cosa c’è che non va. Ti ho messo le corna con Pino, il mio datore di lavoro “.Aprii la bocca, ma non ne uscì niente. Non sapevo che dire, ero rimasto di sasso. Non riuscivo a crederci… eppure era la logica spiegazione del suo recente comportamento.”Voglio sapere tutto, di questa storia, sì, ormai tanto vale la pena parlarne, raccontami fino in fondo. E’ inutile girarci intorno.Lei annuì……. con un sospiro lunghissimo, poi cominciò:”Ti ricordi quando sono dovuta rimanere al negozio per sistemare la merce di inizio stagione? Cero che lo ricordo ti sono venuto a prendere io al negozio ed era oltre la mezzanotte. Noi abbiamo finito di sistemare la merce intorno alle 22,00 , poi Pino ha insistito di fargli compagnia per andare a mangiarci una pizza………………………………………………… I “Una cosa che tu non sai” aggiunse “è che Pino ci prova con me da molto tempo. Non te l’ho mai voluto dire perché temevo che tu facessi una scenata. Comunque, le cose non andate così: nella attesa che arrivassero le pizze ha cominciato a scherzare e a parlare. Nel frattempo, però, mi mangiava con gli occhi. Mi fissava continuamente le gambe, la scollatura… e ad un certo punto, dato che si era seduto vicino a me, ho sentito la sua mano sulla mia coscia”.Sussultai di nuovo, stavolta non solo per il dispiacere e la gelosia, ma anche per qualcos’altro: mi accorsi che mi stavo eccitando. Ma com’era possibile? Non riuscivo a crederci, eppure quel racconto stava stimolando le mie fantasie…”Be’, Pino ha continuato a toccarmi per tutta la sera.”E tu non gli hai detto di mettere le mani a posto? ödemiş escort Di lasciarti in pace, insomma?””Perdonami amore… ma non so cosa m’è preso. Ho cominciato a eccitarmi… mi sono bagnata. Non volevo che togliesse la sua mano dalla mia coscia. Mi piacevano le sue carezze. Lo desideravo”.A quelle parole anche la mia eccitazione salì. Ebbi un’erezione che tentai goffamente di nascondere, piegandomi un po’ in avanti. Ma Sissi se ne accorse e, interrompendo per un attimo il racconto, disse:”Vedo che ti stai eccitando… sei un porco…”Prima che potessi ribattere, allungò una mano e cominciò ad accarezzarmi il cazzo da sopra i calzoni. Scorsi sul suo viso un sorrisetto. Avevo capito il suo gioco: probabilmente pensava che, se avessi goduto durante il suo racconto, dopo non avrei potuto farle la morale.Continuò a toccarmi un po’, un massaggio molto eccitante che fece aumentare di volume il mio pisello. Poi continuò:”Dopo aver mangiato la pizza, siamo andati a casa sua…”Notai che Sissi si stava eccitando mentre raccontava; per lei era come rivivere quei momenti. Mi tirò fuori il cazzo e cominciò a masturbarmi.”Ti piace, eh, porco?” mi apostrofò “ti eccita l’idea che tua moglie viene sbattuta da un altro, vero? Sì che ti eccita… Sei un porco… Mmm… senti che bella sega che ti faccio”. Poi si sollevò la magliettina e mise in mostra i seni. “Guardali” mi disse “guarda le mie tette e pensa a come Pino se le è succhiate…….infatti è la prima cosa che ha fatto quando siamo entrati a casa sua”.Intanto la sega mi stava mandando in paradiso.” Intanto la sega mi stava mandando in paradiso.”Poi abbiamo pomiciato a lungo” continuò “è stata una cosa dolce, sai. Forse persino romantica. Lui era molto gentile… ma escort ödemiş poi io non ho resistito. Gli ho calato i calzoni e gli ho preso il cazzo in bocca. Ho cominciato a succhiare e a leccare come una pazza. Il suo sapore mi piaceva molto… molto più del tuo”.Intanto con la mano scese a massaggiarmi i coglioni. Dovetti fare uno sforzo per non sborrare subito, prima della fine del racconto. ” Proseguì Sissi “Poi” ???? “Be’… poi Pino lentamente mi ha spogliata e ancora più lentamente io ho tolto i vestiti a lui. L’ho leccato lungo tutto il corpo: partivo dai coglioni per risalire fino alle sue labbra e infilargli la lingua in bocca. Mi soffermavo sui capezzoli… lui gradiva molto. Poi non ho resistito più: gli sono salita sopra e me lo sono infilata tutto nella figa. Abbiamo cominciato a fottere come due maialini… è stato bellissimo. Ondeggiavo lentamente, poi lui al culmine dell’eccitazione mi ha impalata con più decisione. Lui godeva tanto, e anche io. Mentre fottevamo, mentre godevo come non mai gli ho preso la testa e l’ho spinta verso le mie tette. Le ha leccate per bene…”Io sentendo la sua confessione ero agli sgoccioli: il suo lavoro di mano, unitamente al suo racconto, mi aveva portato all’estremo della resistenza. Sissi se ne accorse e con un sorriso malizioso disse:”Oh ma che porcellino che è il mio amore… come si è eccitato… vuoi venire, Cornuto?””Sì…” sussurrai.”Mmm… allora vieni qui nella mia mano” disse accelerando il ritmo della sega “Sì sborrami qui nella mano, porco cornuto…… su, da bravo… sborra nella mia mano pensando a Pino che mi riempie la figa…”Sborrai a lungo, come mai in vita mia. Lei si pulì il mio sperma dalle mani, sporcando le coperte del letto. Poi, senza dire una parola, si alzò e andò in cucina a bere dell’acqua.Io mi ricomposi, mi sdraiai sul letto e chiusi gli occhi. Pochi minuti dopo Sissi arrivo ,io finsi di dormire, Sissi s’infilò dentro le lenzuola e mentre mi accarezzava la testa sussurrò:

Ben Esra telefonda seni boşaltmamı ister misin?
Telefon Numaram: 00237 8000 92 32

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir

pendik escort diyarbakır escort rize escort urfa escort yalova escort antep escort hatay escort haymana escort ağrı escort giresun escort batman escort illegal bahis canlı bahis siteleri casino siteleri canlı bahis kaçak bahis bahis siteleri porno izle sakarya escort sakarya escort webmaster forum yalova escort balıkesir escort bartın escort batman escort bayraklı escort bilecik escort bodrum escort bolu escort bornova escort buca escort burdur escort mobil porno escort izmir adapazarı travesti bursa escort görükle escort bursa escort